E’ morto Primo Blarzino

E’ morto Primo Blarzino,

fondatore della CNA di Udine e del Fvg

Con lui va via una voce importante dell’imprenditore friulano

 

Si è spento serenamente il 30 ottobre pomeriggio nell’ospedale di Tolmezzo. Aveva 98 anni. I funerali si svolgeranno a Lauco il 2 novembre in forma civile alle 14.30

Sarebbe stato difficile immaginarselo malato, poco lucido o inattivo. Primo Blarzino ha vissuto i suoi 98 anni come un leone andandosene però in punta di piedi e serenamente, senza avvisare, con quella forza e dignità che facevano di lui mai un “vecchio”, bensì un grande uomo, stimato e amato da tutti.

Fondatore della CNA di Udine, importante figura di riferimento non solo per gli associati ma per l’intero mondo artigiano e del Friuli produttivo. Con lui se ne va una voce importante dell’imprenditoria friulana. Lungimirante, saggio, vivace, lucidissimo in ogni riunione di presidenza, i suoi interventi erano per noi preziosi. Attendevamo sempre il suo pensiero e le sue indicazioni, in qualunque dialogo e su qualsiasi tema.

Carnico doc, Primo era un vero personaggio: grande affabulatore, versatile, un esempio eccezionale come imprenditore e come uomo, che ha arricchito il sindacato di battaglie e tappe fondamentali per la CNA. Imprenditore, sindacalista, commerciante, artigiano, le “mille vite” di Blarzino sono state riportate in un recente memoriale che la CNA Fvg ha voluto dedicare al suo fondatore.

Nell’ultimo anno Primo aveva deciso di non vivere più nella sua casa di Lauco, dove è assai noto per la colorata bottega che conduceva con la figlia; un negozio che ha una funzione sociale più che commerciale, un punto di riferimento per un paese abitato solo da 300 persone. Della Casa di riposo di Villa Santina, dove aveva deciso di vivere gli ultimi suoi anni, era diventato subito l’anima, dava persino lezioni di lingue ai suoi anziani coetanei e, se le gambe lo avessero retto, forse avrebbe tenuto persino un corso di danza (da giovane era infatti un provetto ballerino). Nella sua lunga e sempre molto attiva vita, si ricorda l’impegno profuso nei confronti della collettività sia locale, nella sua natale Lauco, sia nei confronti della categoria degli artigiani.

La vita di Primo, attraverso le sue lotte politiche, la gavetta, la guerra, segue i pezzi di storia del territorio e della gente carnica. "Sono stato studente, boscaiolo, artigiano, militare, dattilografo, pilota, imprenditore, autotrasportatore, commerciante, sindacalista, politico. Tutte attività che ho svolto con impegno e passione. Ai tempi conoscevamo tanti modi per uscire dalla miseria. Oggi dico alle famiglie di trasmettere ai figli e ai nipoti valori sani: il lavoro nobilita, dà libertà, è utile alla collettività”, questo l’ultimo messaggio che Primo ha voluto dare ai giovani in un incontro alla Casa del Popolo della sua Lauco.

Primo Blarzino si è spento nell’ospedale di Tolmezzo dove era ricoverato da un paio di giorni. I funerali si svolgeranno a Lauco in forma civile il 2 novembre alle 14.30.

 

Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti. Continuando la avigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Per saperne di più vedere l'informativa estesa Privacy Policy.

Accetto i cookies da questo sito